[Iperlessia in un paziente adulto con lesioni nel lobo frontale mediale sinistro]

Una donna destrorsa di 69 anni ha sviluppato un’afasia motoria transcorticale con iperlessia in seguito alla resezione di un glioma nel lobo frontale mediale sinistro. L’esame neurologico ha rivelato il riflesso della presa nella mano destra e il sottoutilizzo dell’estremità superiore destra. Una risonanza magnetica ha dimostrato lesioni nel lobo frontale mediale sinistro compresa l’area motoria supplementare e la parte anteriore del giro cingolato, che si estendeva alla parte anteriore del corpo del corpo calloso. Neuropsicologicamente era vigile e collaborativa. Ha dimostrato afasia motoria transcorticale. La sua produzione verbale è iniziata con l’ecolalia. Inoltre è stata osservata iperlessia nelle attività quotidiane e durante gli esami. Durante la conversazione leggeva improvvisamente parole scritte su oggetti intorno a lei che erano totalmente irrilevanti per il discorso. Quando camminava nel reparto con un esaminatore leggeva parole scritte su un sacco della spazzatura che passava e cartelli che indicavano il nome di una stanza. La sua conversazione mentre camminava era mescolata con la lettura di parole, che era irrilevante per la conversazione. Ha anche letto il tempo su orologi analogici, che sono stati appesi a un muro in un negozio di orologi. In un compito di denominazione, ha letto le parole scritte sugli oggetti prima e li ha nominati dopo ripetute domande sui loro nomi. Quando un esaminatore ha aperto un giornale di fronte a lei senza alcuna istruzione ha iniziato a leggere fino a quando l’esaminatore vietato. Poi ha ricominciato a leggere quando un esaminatore ha girato la pagina, anche se si è ricordata che non doveva leggerla ad alta voce. Ha mostrato lieve aprassia ideomotoria di una mano sinistra. Il comportamento di utilizzo, il comportamento di imitazione, l’ipergrafia o l’uso compulsivo di oggetti non sono stati osservati durante il corso. La tendenza iperlessica è una caratteristica importante dell’output linguistico di questo paziente. L’iperlessia è stata spesso riportata in bambini con disturbi pervasivi dello sviluppo incluso l’autismo. Ci sono solo alcuni rapporti sull’iperlessia negli adulti e alcuni di essi erano correlati alla disfunzione cerebrale diffusa. L’iperlessia del nostro paziente era associata all’ecolalia ma non agli altri fenomeni di “eco”, che possono essere dovuti al fatto che la lesione era unilaterale sul lato sinistro. La disfunzione dell’area motoria supplementare sinistra potrebbe portare alla disinibizione del meccanismo di regolazione dell’uscita verbale in risposta a stimoli uditivi e visivi.

Leave a Reply